fbpx

Polpo alla pignata, ricetta con trucchetto per ottenerlo morbido e gustoso

rustico leccese, la ricetta formato famiglia
Rustico leccese, la mia ricetta “formato famiglia” per mangiare tutti felici e contenti
18 Settembre 2017
cocule di patate salentine: semplicità, gusto e il calore della mamma
22 Settembre 2017
polpo alla pignata ricetta salentina

Nelle case delle nonne salentine non sarebbe mai mancato il polpo  alla pignata ( un tradizionale tegame di terracotta ideale per le cotture in umido e di lunga durata). Anche se non siete molto amanti di questo animale acquatico molto presente nei mari del salento, la cottura lenta e graduale di questa ricetta dona un nuovo modo di gustarlo e apprezzarlo.

Ingredienti 

  • un polpo di 500 gr. circa
  • 3-4 pomodorini
  • uno spicchio d’aglio
  • mezza cipolla
  • 2 foglie d’alloro
  • 2-3 grani di pepe intero
  • un mazzetto di prezzemolo
  • olio d’oliva q.b.

Puliamo il polpo eliminando le interiora dalla testa e la pelle dai tentacoli, lo laviamo e lo tagliamo a pezzetti. Mettiamo sul fondo della pignata un filo d’olio, i pezzi di polpo, i pomodori tagliati a metà, lo spicchio d’aglio, la cipolla, il prezzemolo, le foglie d’alloro e il pepe in grani. Copriamo la pignata e lasciamo cuocere a fiamma bassa per circa un’ora. A piacere si può aggiungere del peperoncino o delle patate tagliate a tocchetti.

Il mio segreto per un polpo morbido è di acquistarlo fresco, metterlo qualche ora in freezer (meglio se per una notte ) e cucinarlo il giorno dopo, dopo averlo scongelato, e il risultato sarà ottimo.

Per altre idee per cucinare il polpo clicca qui