primi con orzo perlato

primi con orzo perlato, provalo con gli asparagi. Ecco la ricetta

Sono una grande sostenitrice dei cereali perchè credo che siano una validissima alternativa alla classica pasta come primo piatto ma soprattutto per il loro alto valore nutritivo. Nel pensare a dei possibili primi con orzo perlato, in particolare, ho provato ad abbinarli con gli asparagi e il risultato mi ha veramente stupefatto. Tradizionalmente nel salento si usa l’orzo per fare la pasta fatta in casa , qui la mia ricetta dei maccheroncini con palamita.

Per chi non ha mai usato l’orzo perlato dico che può essere messo in ammollo per qualche ora per ridurre i tempi di cottura ( circa 15), oppure cuocerlo senza metterlo in ammollo: in questo caso però il tempo di cottura è di circa 40 minuti.

Ingredienti per 2 persone:

150 gr orzo perlato

500 ml brodo vegetale

10 asparagi

cipolla

olio

sale

formaggio grattugiato

Preparazione

Pulire gli asparagi tagliando la parte finale del gambo più dura (circa 2 cm), pelare il gambo con un pelapatate per rimuovere la parte più dura e legnosa ed eliminare eventuali filamenti. Tagliare gli asparagi a pezzetti e metterli in una pentola con dell’olio EVO, un pò di cipolla tritata, versare il brodo caldo fino a coprire gli asparagi, coprire con un coperchio e cuocere a fiamma bassa per circa 10 minuti. Passato il tempo di cottura degli asparagi, togliere le punte cotte e tenerle da parte. Versare nella pentola l’orzo precedentemente scolato dall’acqua di ammollo, aggiungere qualche mestolo di brodo caldo e cuocere come fosse un risotto, mescolando e aggiungendo il brodo caldo man mano che si asciuga. Il tempo di cottura è di 15 minuti circa perché l’orzo era ammollato, diversamente la cottura è di circa 40 minuti. Servire l’orzo spolverandolo con del formaggio grattugiato e adagiando sopra le punte d’asparago tenute da parte.

Continua con tutte le ricette dedicate ai primi piatti

Scopri le ricette della tradizione salentina

Leggi il nostro blog

Entra nel salentoterradagustare.it

ti è paiciuto l'articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *