pitteddhre

pitteddhre: le dolci crostatine della tradizione salentina

Le “pitteddhre” sono le crostatine di un tempo, una dolce merenda sana e nutriente a base di marmellata ( tradizionalmente di uva) adagiata su una base fatta con un impasto molto croccante e non molto dolce. Mia nonna le conservava in una grande scatola di latta che poi occupava quasi tutto il ripiano della credenza e fino a quando non si finivano era un continuo via vai da quel mobile.

Per circa 45 pitteddhre servono:

 250 gr di farina

25 gr olio

25 gr zucchero

60 gr vino bianco

buccia di limone e arancia

 mezza bustina di lievito di birra disidratato oppure 6 grammi di lievito di birra fresco

1 tazzina di latte

1 cucchiaino colmo di zucchero

1 pizzico di sale

marmellata a piacere (preferibilmente d’uva)

Iniziamo la preparazione del nostro impasto mettendo a riscaldare l’olio con le bucce di limone e arancia ( lo facciamo sfumare) e sciogliamo il lievito di birra nel latte aggiungendo il cucchiaino di zucchero. Su una spianatoia mettiamo a fontana la farina amalgamata con lo zucchero e il pizzico di sale. Quando l’olio è ben caldo, lo versiamo sulla farina  incorporandolo con l’aiuto di una forchetta. Versiamo anche il lievito sciolto e impastando con le mani aggiungiamo lentamente il vino, lavorando l’impasto fino ad ottenere una pasta morbida ed elastica ( se necessario aggiungere un po’ di latte).  Ora che l’ impasto per le pitteddre è pronto,usando la macchinetta per la pasta,  andiamo a stendere le sfoglie dalle quali ricaveremo dei dischetti  di circa 8 cm di diametro.  Tagliamo la pasta in piccoli pezzettini che passeremo 3-4 volte al n° 1 della macchinetta e infine al n° 6. Usando un bicchiere, un piattino da caffè o un ring tondo, ritagliamo i dischetti  e al centro mettiamo un cucchiaino circa di marmellata. Quindi  strizziamo i bordi del dischetto per creare un cestino, e  dai ritagli di pasta ricaviamo dei piccoli cerchi da poggiare sulla marmellata.  Le pitteddhre sono così pronte per essere infornate su una teglia ricoperta di carta forno, in forno caldo  a 220° per circa 20 minuti. Per la cottura, comunque,  dovete regolarvi un pò voi in base al vostro forno, le pitteddhre sono pronte quando sono dorate sui bordi.

Per fare la marmellata d’uva in casa clicca qui

Per lo speciale menù natalizio salentino visita la pagina dedicata ai dolci e piatti tipici delle feste

Per scoprire altre ricette della tradizione salentina clicca qui

Per rimanere sempre in contatto con noi e ricevere le nostre ricette, lasciaci la tua mail qui

ti è paiciuto l'articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

3 pensieri su “pitteddhre: le dolci crostatine della tradizione salentina”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *